L’incredibile storia di Marco Negri, eroe dell’Umbria e di Glasgow. “Un giorno Sean Connery mi disse…”

Dalla retrocessione col Perugia a Dio di Glasgow

Vent’anni fa, di questi tempi, un calciatore italiano faceva impazzire mezza Glasgow. Quella dipinta di blu, tifosa dei Rangers. Un ragazzo che non parlava mai con la stampa ma di cui tutti parlavano. Uno capace di segnare 23 reti nelle prime 10 partite. Veniva dal Perugia e il suo nome era Negri. Marco Negri. Dirlo così, alla James Bond, non è casuale. E presto capirete perché.

È stato un momento incredibile”, ricorda oggi al microfono digianlucadimarzio.com“Arrivavo da stagioni prolifiche in Italia e la fiducia nei propri mezzi, per un attaccante, è la componente più importante”. È la stagione ‘97/98. I Rangers cercano un’alternativa al leggendario cannoniere Ally McCoist, miglior marcatore di tutti i tempi col club ma giunto ormai a fine corsa. E la individuano in Marco Negri, reduce da una stagione in serie A con il Perugia, chiusa con 15 reti e una retrocessione che fa ancora male. “Retrocedere è una di quelle cose che ti segna la vita. Eravamo una buona squadra ma il livello del campionato era altissimo. Andò male e così decisi di tentare un’esperienza all’estero”.

I Rangers avevano appena messo sotto contratto un altro calciatore del Perugia, il giovanissimo Gennaro Gattuso. Un caso internazionale, con la fuga di Ringhio dal ritiro del club umbro e l’ira di Gaucci. Anche per cercare di calmare le acque, gli scozzesi acquistano Negri. Ed è subito magia. Ricordo la prima partita ad Ibrox, subito in gol davanti a 50mila persone. E poi i 5 gol contro il Dundee, la rete al Celtic Park nell’Old Firm contro i rivali di sempre. Emozioni indelebili”.

Fra agosto e Natale del ‘97 segna 29 reti. Un re Mida che trasforma in gol tutto ciò che creano i compagni. E che compagni. “Arrivava sempre una palla buona. Alle mie spalle avevo Laudrup e Gascoigne. Che genio Gazza, il compagno migliore mai avuto. Un genio, in tutto. Una volta andammo a fare una caccia col falco. L’addestratore era distratto e Gazza iniziò a dare da mangiare agli uccelli qualsiasi cosa. Quel giorno nessuno riuscì più a farli volare…”. Nell’anno che porta al mondiale di Francia, c’è una candidatura in più al centro dell’attacco dell’Italia di Cesare Maldini. Poi quella magia, com’era arrivata, in un attimo svanì.

Negri_3

 

Dalle stelle alle stalle. Maledetto squash

Un mercoledì di inizio gennaio, Marco va a giocare a squash con il compagno di squadra Sergio Porrini. È la seconda volta che impugna una racchetta. Non sa che bisogna indossare occhiali protettivi. Lo scoprirà dopo, quando sarà troppo tardi: una pallina scagliata con foga da Porrini lo colpisce all’occhio destro. La luce si spegne di colpo. Corrono in ospedale: Negri ha un distacco parziale della retina. È l’inizio della fine. Riesce a rientrare dopo un paio di mesi, poi si blocca di nuovo per un’ernia. Da lì a fine stagione segna solo 4 volte. L’incantesimo si è rotto.

Ho iniziato a giocare col contagocce. Improvvisamente era cambiato tutto. Appena mi rialzavo, succedeva qualcosa che mi ributtava giù. Mi resterà sempre il dubbio di sapere come sarebbe finita quella stagione. Non ho mai giocato in Nazionale, forse poteva essere davvero l’anno buono”.

La voce di Marco rivela ancora l’emozione di quei giorni. Quell’incredibile altalena che lo ha portato prima in alto e poi in basso in poche settimane. Una ruota panoramica, come l’ha definita lui in “Moody Blue”, una meravigliosa autobiografia, finalista, lo scorso anno, di un prestigioso premio letterario britannico. Un modo per ricordare una carriera rapsodica e piena di aneddoti indimenticabili. Come l’incontro con un tifoso speciale dei Rangers: Sean Connery. O se preferite, James Bond.

Mi stavo fasciando una caviglia sul lettino prima di un’amichevole. Ero da poco rientrato in campo dopo il fattaccio. Lui era venuto a salutare il presidente, suo amico di vecchia data. Me lo presentarono e lui s’illuminò. Mi chiese che fine avessi fatto, che cosa fosse successo dopo quell’inizio incredibile. Missione impossibile da spiegare, anche al re degli 007…”. Negri resta fino al 2000 in Scozia, chiudendo la sua esperienza con 37 gol in 40 partite. Poi il ritorno in Italia: Vicenza, Bologna, Cagliari, Livorno e Perugia. Un cerchio che si chiude in Umbria, dove tutto era cominciato.

negri_2

Il re dell’Umbria. Da Terni a Perugia

Già, l’Umbria. La prima terra in cui Negri approda dopo aver fatto le giovanili all’Udinese. La Ternana, stagione 91/92, lo ingaggia a gennaio per cercare la promozione in serie B. E con lui al centro dell’attacco, la promozione arriva. “Un ricordo meraviglioso. Clagluna allenatore di un gruppo granitico. Segnavamo pochissimo: vincemmo il campionato facendo 21 gol. Io ne feci 5 e compresi subito cosa volesse dire giocare con la pressione addosso, In un campionato lontano dalle tv, calcio vero”. E calci, tanti. Non solo sul terreno di gioco. “Ad Acireale nel sottopassaggio successe di tutto. Capitavano spesso queste cose nel girone sud. Ma era comunque bellissimo. Quella promozione mi diede una consapevolezza incredibile”.

Poi dopo due positive esperienze a Bologna e Cosenza, l’attaccante risponde alla chiamata del Perugia di Gaucci. Obiettivo un’altra promozione, questa volta in serie A. “All’inizio fu dura. Gaucci esonerò Novellino. Arrivò Galeone e le cose iniziarono a girare bene”. Un anno tormentato fra sconfitte, rimonte e sfuriate epiche del presidente. “Gaucci aveva i suoi metodi per motivare i giocatori Quando arrivai ero spesso infortunato e non rendevo al meglio. Una volta mi prese sottobraccio e davanti alla squadra disse: sa Negri, io l’ho acquistata per fare la differenza. Ma per noi, non per gli altri!”.

negri_ok

E alla fine la differenza Negri la fece per davvero: 18 reti, due decisive per la promozione nell’ultima partita col Verona al Renato Curi“Era tutto apparecchiato. Lo stadio pieno, loro già promossi, ma in campo fu durissima. Andammo sotto, poi la riacciuffammo. E fu una gioia pazzesca. Io e Materazzi uscimmo dallo stadio e andammo a festeggiare per le vie della città col suo motorino. Senza casco, coi capelli dipinti di blu, in mezzo alla gente. Altro che pullman scoperto, quella sì che fu una festa vera”.

Ternana e Perugia. Due pezzi di cuore per Marco Negri. Due promozioni, un solo derby giocato (e vinto in serie C con la maglia della Ternana. “È una partita speciale perché sono due tifoserie speciali. In questo calcio ultramoderno avere sprazzi in cui il tifoso è il vero protagonista fa sempre piacere. Io ho giocato anche il derby di Glasgow ma quello fra Ternana e Perugia lo porto sempre nel cuore. Le squadre sono alla ricerca di equilibri, io farò il tifo per l’Umbria”.

Marco Negri oggi: “Vorrei allenare gli attaccanti”

Oggi Marco ha 47 anni e vive a Casalecchio di Reno, provincia di Bologna. Gira il mondo con i camp organizzati dai Glasgow Rangers e spesso torna in Scozia a commentare le partite del suo vecchio club. “Anche la settimana scorsa. Purtroppo per una sconfitta in casa contro l’Hamilton. Una partitaccia”.Con sua moglie Monica osservano la crescita del loro figlio Christian, 13 anni“Fa nuoto a livello agonistico. Il calcio gli interessa poco, ma in acqua è uno squalo vero”.

E allora guardandosi indietro, cosa resta? “La sensazione di aver vissuto tutto al 100%. Senza aver mai barato, cercando di essere sempre prima di tutto un uomo dei tifosi. Perché i loro giudizi sono sempre stati puri”.

E adesso però resta ancora un ultimo progetto. Ambizioso e originale.“Vorrei allenare gli attaccanti. Ho il patentino per andare in panchina, ma il mio progetto è diventare un allenatore di reparto, insegnando i movimenti. Esiste per i portieri, perché non dobbiamo avere una figura simile per chi è chiamato a fare gol? Io ho imparato a stare in campo guardando Abel Balbo ai tempi dell’Udinese, ma mi sarebbe piaciuto avere una guida specifica. Ne ho parlato con tante persone. C’è interesse ma ancora niente di concreto”.

Sarebbe l’ennesimo capitolo della vita di Marco Negri. Uno da ruota panoramica o da montagne russe. Uno che ha fatto emozionare anche il re degli 007.

negri_5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...